VITE CORSIVE

"... a metà strada tra le tinte noir de 'Il nome della rosa' ed
i visionari presagi di Farhenheit."

Barbara D'Alessandro - Il Collezionista Bolaffi

Un noir filografico

La rivoluzione digitale del secondo millennio ha ormai cancellato il corsivo, il ductus della scrittura, trasformando quei caratteri tanto cari alle passate generazioni in geroglifici incomprensibili. Per questo motivo il giovane ispettore Loreta Assensi, poco più che trentenne, è costretta a chiedere aiuto per risolvere un insolito caso d’omicidio. Insolito a partire dall’arma, perché chi ha ucciso lo ha fatto con i fiori. Insolito perché l’unico indizio è un’ingiallita lettera vergata a mano che l’antiquario veronese Roberto Trentin tiene stretta nel suo letto di morte. Figlio di italiani immigrati in Argentina, egli è la vittima inconsapevole di un’oscura verità. Un segreto che nemmeno lui conosce. Un segreto nascosto tra le pieghe della scrittura, tra le missive che per decenni i suoi avi hanno spedito da una sponda all’altra dell’oceano. Ad aiutarla è un docente e ricercatore fuori dalle righe e dal tempo: il Filografo. Sarà proprio lui a farle intraprendere un viaggio che la porterà dalle rive scaligere dell’Adige sino alle sponde del Riò Paranà, passando dalle campagne di Riese, sfiorando i nebbiosi vigneti del Piemonte. Non solo un giallo dai riflessi noir, ma il presagio di un mondo il cui passato presto svanirà nell’effimera vita di uno stile di comunicare senza più carta, senza più inchiostro.

IL LIBRO

Dettagli tecnici

Consulta l'anteprima e le schede bibliografiche

Ne hanno detto...

"... a metà strada tra le tinte noir de 'Il nome della rosa' ed i visionari presagi di Farhenheit."
Barbara D'Alessandro - Il Collezionista Bolaffi
"... una straordinaria storia d'emigrazione trasversale a ben tre generazioni."
Luca Perino Vaiga - L'Arena
"Un racconto filografico in piena regola"
Sherlock Magazine
"Non solo un romanzo d'indagine, ma una riflessione su qualcosa che ci caratterizza"
Nicolò Gallio - DNews
"Un giallo teso ed originale che fonde spunti culturali con il tema del viaggio nello spazio e nel tempo"
Marzia Rosani - Itinerari e luoghi.

Se, a pochi mesi dalla sua uscita in libreria, Vite Corsive era stato recensito da Casa Bolaffi, il simbolo del collezionismo filografico per antonomasia, come “il romanzo che sdogana, per la prima volta nel panorama dell’editoria specializzata, il neologismo ‘filografia’ “, in tempi più recenti, precisamente nell’estate del 2016, Federica Natta inizia, proprio citando il romanzo di Marco Nundini, un interessante articolo dal titolo “Corsivo vs computer” pubblicato sull’autorevole Studium Educationis di MultiMedia Editore (n. 2/2016), rivista fondata e diretta da Diega Orlando, oggi professore emerito di Pedagogia generale e sociale presso l’Università di Padova.

La scomparsa del corsivo

Il caso filografia

Il romanzo Vite Corsive, per il suo originale approccio in giallo che guarda alla “scrittura corsiva” quale unico indizio per risolvere un misterioso omicidio, è diventato una citazione quasi accademica per tutto ciò che ruota intorno alla “filografia”, alla parola scritta, quella corsiva, vergata a mano.

Il booktrailer ufficiale

Realizzato per la prima edizione del romanzo, pubblicata nel 2008 da Ibiskos Editrice Risolo, successivamente rieditata per il tipi de IlFilografo nel 2013, questo video di invito alla lettura trasporta chi guarda dalle rive dell'Adige a quelle del Rio Paranà, in un viaggio in giallo tra una sponda e l'alltra dell'Oceano, fuori dalle righe, fuori dal tempo.

  • Anno di produzione: 2008
  • Realizzazione: ilFilografo®/Marco Nundini
  • Storyboard: Marco Nundini
  • Regia: Nando Mirnicu
  • Colonna sonora: 4th and goal by Eric Cunningham, Chris Lang, Tom Caffey licensed by BBC WorldWide Media Center
 

NARRATIVA

home narrativa

Dalla pagina principale della sezione narrativa dedicata all'autore potrai leggere le sinossi dei tre romanzi pubblicati e raggiungere le pagine con le schede bibliografiche dei titoli pubblicati da Marco Nundini 

Maxima culpa

Lassù, dove lo sguardo abbraccia un panorama fatto di campanili, croci e santità, la fede di un'intera comunità parrocchiale vacilla alle lusinghe del peccato e nasconde verità inconfessabili tra le pieghe della devozione.

isole erranti

Sono storie di isole. L'isola nell'isola, spazio immaginario nella dimensione fisica di un frammento di crosta terrestre circondato dalle acque. L'isola di pura spiritualità, che si eleva dal mondo materialistico.

Condividi questa pagina con chi vuoi